Gel lenitivo Skin Praesidium

Gel lenitivo Skin Praesidium

Ormai un bel po’ di tempo fa un rappresentante ci lasciò una campionatura di questo prodotto, il gel lenitivo Skin Praesidium. Erano dei dispenser di cartoncino che contenevano ognuno una ventina di bustine da 3 ml ciascuna. Ci lasciò una 15ina di dispenser, proprio per dare modo a tutto il personale dell’istituto di estetica dove lavoro di fare test e prove varie.Gel lenitivo Skin Praesidium

***la sua azione***

Il prodotto nasce come lenitivo immediato per scottature solari e non solo. Sulla scatola, infatti, c’è scritto: “Sempre con te per ogni emergenza” e “nelle aggressioni della tua pelle di natura chimica, fisica e biologica”. Il rappresentante ci disse che era ideale anche per eventuali arrossamenti da lampada UV. Vista la quantità di prodotto decidemmo di provarlo in vari modi.

Gel lenitivo Skin Praesidium
box dispenser dei campioni

***IL TEST***

Il prodotto è in forma di gel dal colore simile al caramello (si, proprio quello dei budini). Applicato, il gel lenitivo Skin Praesidium assorbe immediatamente lasciando sulla pelle una vaga sensazione di appiccicaticcio.  Spicca subito l’odore, non proprio gradevole. Molto pungente, alcolico direi, per attenuarsi immediatamente diventando amarognolo. Mi ricorda l’odore dei disinfettanti.Lo provammo su noi stesse, fra colleghe (mai provare un prodotto i cui effetti non si conoscono sulla clientela: se dovesse capitare qualcosa, si correrebbero seri rischi). Convenimmo sul fatto che non era per niente adatto come post-epilazione; usiamo la cera a temperatura corporea del tipo liposolubile al titanio, e i residui si tolgono solo ed esclusivamente con una sostanza oleosa, appunto. Ma dato che la cera è, appunto, al titanio, la stessa non ne lascia moltissimi, quindi scovammo delle zone di cute che non ne presentavano e lo applicammo.

*** Impressioni tra colleghe ***

Ognuna di noi descrisse le proprie impressioni. Io percepii una sensazione di freschezza, e il fastidio follicolare che si prova subito dopo lo strappo fu in effetti molto attenuato, ma dato che ottengo lo stesso risultato con prodotti più naturali, non vidi necessità di consigliarne l’acquisto. E le colleghe furono d’accordo con me. Provammo sui baffetti, zona delicatissima, con una certa preoccupazione. Anche lì, stesso effetto.Ne prendemmo un po’ anche per provarlo dopo l’esposizione al sole. Una di noi ebbe una reazione sgradevole: avvertì prurito e senso di tensione alla pelle. Ovviamente, non essendo idratante, poteva essere più che normale, su una pelle secca come la sua. Io provai, e non ebbi alcun beneficio particolare.Vi ho mai detto che sono diventata allergica al cloro? Ebbene, provai questo prodotto dopo l’ennesimo contatto con questa sostanza. Sulla bustina, infatti, c’è un’ulteriore scritta: “Per pelli sensibilizzate da fattori esterni. Trattamento normalizzante per reazioni cutanee di vario genere”. Frescolino, si, ma la reazione è andata avanti, e come al solito ho dovuto assumere il cortisone (purtroppo).

***COSA DICE DI SE’ ***

Gel alcolico che favorisce in tempi brevi l’attenuazione degli inestetismi in tempi brevi causati da fattori esterni. Un leggero bruciore è da considerarsi normale e del tutto temporaneo”.

E’ ovvio che bruci, contiene alcool, ma mi domando: è il caso di applicare una sostanza alcolica su cute sensibilizzata? Io dico proprio di no, e mi perdonassero i formulatori del prodotto!
Si capisce, a questo punto, che non lo consiglio. A maggior ragione dopo aver preso in considerazione l’INCI, che è LETTERALMENTE terrificante. Vediamo insieme e preparatevi a bruttissime sorprese. Mi armo della lente di ingrandimento, e copio dal retro di una delle bustine. 

***INCI***

Aqua, Alcohol Denat., Aorta Extract, Hirudinea Extract, Escin, Mimosa Tenuiflora, Triethanolamine, Carbomer, Imidazolidinyl Urea, Phenoxyethanol, Disodium EDTA

.…Immaginatevi le parolacce che mi sono scappate, avendo letto che contiene estratti animali. Aorta si capisce. Hirudinea, sanguisuga. Si vede che questi geni hanno capito che un frullato di sanguisughe è lenitivo.In più, carbomeri e EDTA, per alcuni formulatori arretrati indispensabile sinergia per creare un gel a basso costo, e imidazolidinyl urea, altamente irritante.C’è la mimosa, poveraccia, e l’escina, estratta dall’ippocastano, pianta nota come antiinfiammatoria e lenitiva per arrossamenti di varia natura per la sua azione protettiva sul microcircolo superficiale.

Ovviamente abbiamo restituito tutti i dispenser dei campioni al rappresentante. Il flacone in vendita (se ancora siete interessati) è da 75 ml, per un costo che si aggira attorno ai 15 Euro. Prodotto dalla “CHEFARO PHARMA”, la stessa della Angstrom e della Restiva,  che testa sugli animali e non solo. Fate vobis.

Se l'articolo ti è piaciuto puoi condividerlo 🙂Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest1

2 pensieri su “Gel lenitivo Skin Praesidium”

I commenti sono chiusi.