Sheba Paté Finesse pollo

Sheba Paté Finesse pollo

 

Ricevetti 6 vaschette di Sheba Paté Finesse pollo da un panel di sondaggi al quale sono iscritta. Dovevo testarle o, meglio, testare le reazioni del gatto prescelto dal panel stesso. Si perché quando mi chiesero quanti gatti avevo, io elencai alcuni tra i mici e loro scelsero Nonny.Sheba Paté Finesse pollo
Però vi pare che io non abbia colto l’occasione per farla provare pure a Bijoux e, in quella occasione, a Roscio? (Non lo diciamo al panel, però…).

**La reazione dei gatti**

Allora: Nonny come al solito se l’è finita subito. Roscio sembrava un’aspirapolvere al lavoro alla massima potenza possibile. Bijoux.. niente. Non ne ha voluto sapere. Nonostante il solito sistema di mettergliene un pochino sul muso, così che leccandosi possa assaggiare, non si è nemmeno avvicinata alla ciotola come invece fa di solito per annusare più compiutamente. Ignorando il cibo, dopo che ha finito di “lavarsi la faccia” mi ha fatto capire che sì, aveva fame, ma che quella roba lì manco per sogno.

Eppure all’apertura non mi è sembrata sgradevole. Il classico odore di cibo per gatti, un paté rosato nel quale si vedono ad occhio nudo piccoli pezzetti di carne dal colore leggermente più scuro. Pochissima gelatina compattante, praticamente nulla, che si scioglie leggermente in forma liquida, nulla di più.

Sheba Paté Finesse pollo
4 delle 6 vaschette

La vaschetta ottagonale da 100 grammi (è cambiata la confezione, nel frattempo – l’immagine è quella vecchia) è in alluminio, ha il coperchietto a strappo sempre in alluminio, e finita la confezione si può accartocciare, dopo averla sciacquata per togliere i residui interni, e gettarla nel contenitore del riciclo metallo (come d’altronde faccio anche con le lattine normali).

Dato che forse avrei dovuto fare un report del test da me affrontato (report poi non richiesto dal sito), mi segnai gli ingredienti riportati sulla scatola, e ve li elenco:

** INGREDIENTI **

Carni e derivati (di cui pollo 4%)
Sostanze minerali.
– Additivi:
Iodato di calcio anidro
solfato di rame pentaidrato
solfato ferroso monoidrato
solfato di manganese monoidrato
solfato di zinco monoidrato
gomma cassia

– TENORI ANALITICI:
Proteine grezze 11%
Grassi greggi 4%
Ceneri gregge 2%
Fibra grezza 0.3%
Umidità 82%

Dunque: non mi piace quel “derivati” (di cui pollo al 4%). Significa solo una cosa, cioè che sono state usate parti di scarto. “Di cui pollo” mi fa pensare che tali scarti provengano quindi anche da altri animali. E sapete cosa usano, in questi casi? Le peggiori schifezze. Piume, artigli, ma anche parti animali affette addirittura da tumori, come risulta da parecchie analisi effettuate da organismi di controllo indipendenti. Questo mi porta a dire che è meglio evitare di nutrire gli animali con cibi confezionati recanti tali diciture.

L’aggiunta dei sali minerali la posso anche capire, ma ritengo che se un cibo per animali è fatto con carne vera, tutta questa aggiunta di micronutrienti non serva a molto. O sbaglio? Li hanno aggiunti evidentemente a causa di quel “derivati” di cui sopra, che tutto è meno che nutriente, e che serve solo a formare la massa compatta. Si afferma che per un gatto dal peso di 4 kg ce ne vogliono due o tre al giorno. Cioè 300 grammi di paté. Esagerato, ma altro segno che questo alimento non è completo, non è nutriente, e nemmeno sazia. E in effetti questa non sazietà l’ho notata in Nonny e Roscio, che volevano mangiare di nuovo a breve distanza dal pasto fatto con Sheba paté al pollo.
Bijoux, scaltra, aveva capito tutto…!

I prezzi sono variabili. L’ho visto in giro a partire dai 65 per arrivare agli 85 cent a vaschetta. Ovvio che non ho alcuna intenzione di acquistarli.

Sheba è un marchio appartenente alla multinazionale MARS. Alla stessa appartengono anche questi: Whaltam, Cesar, Pedigree, Chappi, Frolic, Whiskas, Kitekat, Royal Canin.
La Mars è coinvolta pesantemente nei test sugli animali, test effettuati proprio per mettere a punto il cibo. Non vi voglio raccontare come questi test vengono effettuati. Sono terribili. Informatevi, ma sappiate che verrete a sapere quanto si può essere crudeli. E tutto ciò per produrre cibo in sostanza scadente.
Sono le nostre scelte che devono influenzare le aziende, e non il contrario, come invece purtroppo accade. la forza della pubblicità, video di gatti felici e coccoloni mentre mangiano certi cibi, sono suggestioni, veri e propri lavaggi del cervello. Non vi fate fregare, ci rimettono proprio gli amici pelosi che tanto amiamo…

Se l'articolo ti è piaciuto puoi condividerlo 🙂Share on Facebook29Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest1

Un pensiero su “Sheba Paté Finesse pollo”

  1. c’è da stare molto attenti nello scegliere cibo adeguato a mantenere la salute dei nostri animali, purtroppo le aziende (molte di esse) ci prendono sostanzialmente in giro…

I commenti sono chiusi.