Archivi tag: sale rosa himalaya benefici

Sorgentenatura

Sale rosa dell’Himalaya

Come lo uso

sale rosa dell'Himalaya

Il  sale rosa dell’Himalaya fino lo mescolo al ghassoul (o rhassoul),  preziosa argilla lavante che sarà oggetto di un post a parte, aggiungo 1 goccia di olio essenziale adatto (nel mio caso lavanda) per ottenere uno scrub detergente per il corpo e per i capelli assolutamente eccezionale. Lo massaggio su tutto il corpo e sul cuoio capelluto con delicatezza, poi lo lascio in posa finchè non diventa quasi asciutto (i tempi di posa dipendono dalla temperatura corporea ma anche da quella ambientale, quindi non posso indicarli di preciso). Infine sciacquo sotto la doccia.

sale rosa dell'Himalaya

Lava, purifica, setifica e rimineralizza la pelle del corpo privandola delle cellule morte, mentre per il cuoio capelluto (in questo caso ghassoul mescolato al sale lo uso solo ogni 15 giorni usando come olio essenziale quello di melaleuca – tea tree) trovo giovamento contro pruriti e sensibilizzazioni indotte dalle tinture per capelli.

sale rosa dell'Himalaya

Ma mi preme dire che il mio compagno, all’inizio restio nel voler usare questa “mistura”, ha trovato giovamento nel trattamento della forfora, problema del quale soffre ai cambi di stagione. Il “delinquente” approfitta delle mie mani per farsi massaggiare ben bene l’impacco sui capelli, godendosi l’effetto relax e, nel contempo, risolve il suo inestetismo. Nel suo caso aggiungo all’impacco olio essenziale di tea tree e di limone (una goccia per ogni essenza).

Ovvio che io usi il sale anche in cucina. Ho messo parte di quello quello grosso in un macina-sale, mentre il fino in un normalissimo barattolo in vetro.

sale rosa dell'Himalayasale rosa dell'Himalaya

Il sapore è meno intenso del nostro normale sale, mi viene da dire che è quasi dolce, adatto per la sua delicatezza a insaporire piatti altrettanto delicati per i quali è necessario preservare il sapore originale degli alimenti. Ecco, il sale rosa dell’Hymalaia ha la capacità di esaltare i sapori! Rimando alla fine del post per quanto riguarda le caratteristiche benefiche del sale.

sale rosa dell'Himalaya

Per vedere il sale sul sito Sorgente Natura clicca qui

Lampada di sale rosa 

sale rosa dell'Himalaya

Beh.. è bella. Un grosso blocco di sale rosa, con dentro una lampadina accendendo la quale la luce traspare attraverso, emanando luce diffusa e non regolare, di sicuro effetto.

Il sale rosa è un emettitore naturale di ioni positivi e contrasta gli ioni negativi emessi dalle apparecchiature elettriche andando a riequilibrare le cariche elettrostatiche nell’aria. Io personalmente ho posizionato la mia vicino al televisore. Come potete vedere dalla foto, la lampada col tempo e a causa dell’umidità presente nell’aria  tende a “sciogliersi” in cristalli che si stanno depositando sul piattino che ho posto sotto la base. Lascio questi sedimenti lì dove sono perché continuano a svolgere il loro lavoro ma anche perché mi piacciono:  rendono la lampada viva, perché “vivo” è il sale.

sale rosa dell'Himalaya

All’interno del sito sono presenti lampade di sale rosa di diverse grandezze. Ci sono anche quelle che funzionano con le candeline.

sale rosa dell'Himalaya

Per vedere la lampada sul sito Sorgente natura clicca qui

Caratteristiche del sale rosa dell’Himalaya

Del sapore ho già scritto: meno aggressivo, esalta il sapore degli alimenti. Non è solo cloruro di sodio, infatti contiene più di 80 sali minerali tra i quali spicca il ferro, altamente biodisponibile. Da ciò se ne deduce che l’uso alimentare del sale rosa dell’Hymalaia riduce gli effetti della ritenzione idrica (anche perché non sovraccarica i reni), ed è anche adatto agli ipertesi.

Altri benefici: regolazione del pH cellulare, favorisce un miglior assorbimento dei nutrienti a livello intestinale, azione positiva sulla densità ossea. Teniamo anche conto che la lavorazione del sale è effettuata a mano, è lavato con semplice acqua, non viene sbiancato con procedimenti chimici: è purissimo, integrale, naturale.

Se l'articolo ti è piaciuto puoi condividerlo 🙂Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0