Croccantini Whiskas Adult Tonno

Croccantini Whiskas Adult Tonno

Proprio l’altra sera guardavo la TV, e sono rimasta colpita da un programma che parla di ossessioni e manie.

C’era una che mangiava da anni il cibo per gatti, dicendo che visto che il suo micio viveva da ben 17 anni in perfetta salute, con quella roba, sicuramente avrebbe fatto bene anche a lei. Durante la trasmissione i medici che si stavano prendendo curaCroccantini Whiskas Adult Tonno del caso di questa donna hanno fatto un’affermazione che io già conoscevo, e che spesso viene tenuta nascosta. È stato detto che il cibo per animali contiene parti di animali morti per malattia, anche cancro e infezioni varie. 

Ma veniamo alla mia esperienza con questi croccantini Whiskas Adult tonno. Ritengo in prima battuta di poter dire che alcuni sono più esperti di altri per aver maturato una lunga e proficua esperienza a contatto con gli animali. Nel mio caso tale esperienza è relativa ai  gatti. Credo di averne avuti a centinaia, da che ho memoria, e addirittura sono titolare di una colonia felina con tanto di permesso rilasciato dalla ASL. Per cui se dico che non comprerò mai più questi croccantini, nonostante le mirabolanti promesse scritte sulla confezione, ho le mie buone ragioni. Il prodotto è come tanti altri, ricco di schifezze varie e anche di componenti accettabilissime. I derivati animali, dicitura da tenere sempre presente, sono qui nell’ordine del 4% per categoria (carne e pesce). Ma di quali parti di animali? È risaputo che Whiskas, appartenente al gruppo Purina, non brilli per etica aziendale.

Non solo: vi sono sottoprodotti vegetali, e mi domando a cosa ci si riferisca, in questo caso. Ho fatto delle ricerche in merito, e quello che sospettavo si è rivelato giusto. Parti di vegetali fradice, radici con tanto di terra, fusti legnosi di scarto. Ritengo che gli scandali fin qui denunciati dalle associazioni animaliste e dei consumatori debbano finalmente essere prese in seria considerazione, e iniziare ad aprire gli occhi su una realtà fatta solo di logica commerciale. E c’è da dire che queste buste di croccanti (io prendevo quelle da 2 chili, pagandole attorno ai 4 Euro – prezzo non aggiornato, perché ormai non le compro più da molto tempo, ho aperto gli occhi) non costano nemmeno così poco da giustificare una qualsiasi volontà, spesso necessità, di risparmiare. Esiste, nel caso, anche il formato da 400 grammi, e quello da 4 chili.

I croccantini Whiskas Adult tonno sono dei normali croccanti multicolore perché è presente anche una componente vegetale: arancio, carote; verde, piselli; beige, per il tonno e marroncino per i fagottini contenenti la carne (o ciò che è). L’odore è quello simile un po’ a tutti i croccantini: per niente piacevole (come faceva, quella lì, a mangiarseli…), e niente affatto invitante, per noi. Per i gatti si o, meglio, nel mio caso posso dire di aver raggiunto una media di successo pari al 65%. Naso (un gatto che aveva una macchia nera sul naso che glielo faceva sembrare enorme), per esempio, li adorava, mentre Principessa (la persiana) nemmeno si avvicinava. Bizzo mangiava quasi tutto, e questi non li gradiva. A Nonny piacevano, ma è noto quanto lei sia di bocca buona. Bijoux non li ha mai assaggiati, perché nel frattempo mi sono fatta una coscienza civile anche per il cibo per gatti.

Le promesse: denti sani (dental protection plus concept, che sarebbe un ingrediente aggiunto e la forma dei croccanti stessi, che massaggiano le gengive), vista acuta grazie alla vitamina A presente nei croccanti.
Meglio altro, decisamente, anche se i gatti (e non tutti, almeno nel mio caso) gradiscono.

Ingredienti 

cereali (min.4%), estratti di proteine vegetali, carne e sottoprodotti animali (min. 4% di carne nel ripieno dei fagottini), oli e grassi (min. 0,1% olio di semi di girasole), sottoprodotti vegetali, minerali, pesce e sottoprodotti del pesce (min. 4% di tonno nei bocconcini di color beige), verdure (min. 4% di carote nei bocconcini arancioni, min. 4% di piselli nei bocconcini verdi).

Additivi 

vitamina A (14.000 IE/kg), vitamina E (170 mg/kg), vitamina D3 (1.550 IE/kg), solfato di rame, pentaidrato (25 mg/kg), solfato di manganese II, monoidrato (22 mg/kg), iodato di potassio (2,1 mg/kg), solfato di zinco, monoidrato (100 mg/kg).

Se l'articolo ti è piaciuto puoi condividerlo 🙂Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0