Olio essenziale bergamotto aromacosmesi

 

** PRECISAZIONE SULL’AROMACOSMESI E AROMATERAPIA ** 

Mi preme fare una precisazione: per “aromacosmesi” si intende il ricorso agli oli essenziali puri da miscelare opportunamente a seconda del problema da trattare al momento, e in modo soggettivo. Non certamente il ricorso a linee cosmetiche che dicono di contenerne. Gli oli essenziali sono TUTTI estremamente volatili, e perdono le loro caratteristiche se entrano in contatto, in modo duraturo, con luce, ossigeno e calore (infatti vanno conservati in vetro medicinale – quello marrone – e chiusi ermeticamente). Riuscite quindi a immaginare quanta di quell’essenza sarà presente in creme che decantano le loro proprietà basate sull’aromaterapia? Nulla, non rimane nulla (semmai ce li mettessero, oltretutto…).

Per “aromaterapia” si intende il ricorso alle essenze per trattare patologie di ESCLUSIVA COMPETENZA MEDICA, dato che le stesse si possono ingerire. Consiglio vivamente a tutti di sentire SEMPRE un medico, prima di avventurarsi da soli o, peggio, sotto consiglio di persone non competenti, perchè non è vero che le cose naturali non fanno male…ricordate Socrate e la cicuta!

** OLIO ESSENZIALE DI BERGAMOTTO ** 

http://it.wikipedia.org/wiki/Citrus_%C3%97_bergamia
http://it.wikipedia.org/wiki/Citrus_%C3%97_bergamia

Il bergamotto, come tutti saprete, è un agrume. Appartiene alla famiglia delle “rutacee”, ed è originario dell’Asia (nome botanico: Citrus Bergamia L.).
La preziosa essenza si estrae dalla spremitura delle bucce (avete mai sentito una sensazione di untuosità, dopo aver spremuto un’arancia, un limone? Quello è olio essenziale).

La medicina popolare vi ricorre per abbassare la febbre, come antielmintico (parassiti intestinali), per alleviare i dolori del parto (massaggiato, diluito con olio di mandorle, direttamente sull’addome). Viene utilizzato anche come antidepressivo.

Dal punto di vista bioenergetico, riesce ad avere un effetto calmante sui soggetti particolarmente ansiosi e stressati. L’utilizzo, in questo caso, può anche essere quello per un bagno: qualche goccia di olio nell’acqua della vasca o su un guanto per frizionare il corpo durante l’abluzione.


L’olio essenziale di bergamotto è’ spesso usato nella preparazione di profumi per l’aroma fresco, dolce e fruttato.

Inoltre, troviamo alcuni detergenti per la casa che dicono di contenerlo (uno ne richiama addirittura il nome), per le potenti azioni battericide, disinfettanti, cicatrizzanti e antisettiche. Azioni che l’olio essenziale di bergamotto esplica anche su pelle, vie urinarie e vie respiratorie (qualche goccia per i suffumigi va più che bene, per alleviare i fastidi del raffreddore).

Aggiungerne qualche goccia alla crema abituale (e non comprando una crema che lo contiene, per i motivi esposti all’inizio) o a un olio veicolante è utile per combattere brufoli, pelle grassa, infezioni (tipico è il caso della follicolite da rasatura che affligge molti uomini).

Le applicazioni sono, come potete comprendere, moltissime:
psoriasi, eczema atopico o idiopatico, ma anche le punture d’insetto, piccole ferite ed escoriazioni (un disinfettante estemporaneo? Un po’ d’acqua, una goccia di essenza, agitare per creare un’emulsione, e applicare sulla cute lesa – olio e acqua non formeranno un’emulsione stabile, quindi agitare di nuovo, se servirà).

Si usa anche per gargarismi, in caso di stomatite, afta, e mal di gola.
Qualche goccia diluita nell’acqua per irrigazioni aiuta i fastidi delle zone intime, combattendo efficacemente pruriti.

Allevia i fastidi della cattiva digestione, prevenendo le fermentazioni intestinali.

** COME LO USO ** 

Olio essenziale bergamotto aromacosmesi

Scelgo l’essenza in base alla caratteristica della cliente, e decido se usarla da sola o in sinergia con altre essenze, secondo la soggettività ma, anche, del momento particolare. Può accadere, infatti, che una persona, normalmente calma e tranquilla, arrivi in una giornata che è stata, per lei, particolarmente stressante. Procedo quindi a riscaldare una pezza di lino bianco con acqua calda, la strizzo bene, verso un paio di gocce di olio di bergamotto, facendole assorbire bene, e la applico sulla fronte della persona, massaggiando le tempie con delicati, quasi impalpabili movimenti a 8…accade spesso che, dopo un paio di sospiri profondi, atti a scaricare le tensioni, la gente si assopisca…relax ottenuto!

** LE PRECAUZIONI: IMPORTANTE!!! ** 

L’olio essenziale di bergamotto ha già spedito migliaia di persone all’ospedale: tutti coloro che si sono avventurati, per sentito dire, nella preparazione di prodotti solari casalinghi. Ho sentito racconti, da parte di alcuni medici dermatologi con i quali collaboriamo, da farsi rizzare i capelli in testa. Olio d’oliva, birra, sale (!!!!!!) e quant’altro, tutto insieme, a formare un “orrido mischiume” che ha prodotto “solo” ustioni anche severe. Quindi: NON APPLICARE L’ESSENZA IN QUESTIONE PURA, MEN CHE MENO PER ESPORSI AL SOLE, ma nemmeno mescolata ad altre sostanze!

Nonostante negli anni si siano succedute numerosissime campagne stampa a cura di dermatologi e operatori del settore bellezza e benessere, ancora c’è gente che va chiedendo in giro la “ricetta” per comporre l’orrida mistura ustionante. E’ successo anche a me, proprio durante la appena trascorsa stagione estiva.

PERCHE’? Vi chiederete…


L’essenza contiene sostanze fototossiche che provocano, appunto, sensibilizzazione (e dopo vi potete dimenticare il sole per il resto della vita) e iperpigmentazione. Considerate solo che, fino a qualche anno fa, si usava per trattare la vitiligine. Le macchie bianche amelaniniche (prive di melanina) tipiche di questa malattia, venivano accuratamente pennellate di essenza (dal medico, sempre per essere chiari) e successivamente si sottoponeva il paziente a trattamento con lampada UV. Attualmente si ricorre ad altre terapie.

Altre precauzioni e controindicazioni

Evitare l’uso in caso di asma, brachicardia (la sua capacità sedativa mal si coniuga con questo problema).

Invito di nuovo a porre attenzione all’acquisto delle essenze. Circolano parecchi “falsi”, perciò affidatevi a produttori seri ed affidabili. Vi ricordo che, nel caso di dubbi, ci si può rivolgere alle farmacie. Per finire, e solo per accennare, il bergamotto è usato anche per preparare liquori e come aromatizzante in cucina. Le sue proprietà nutrizionali sono analoghe a quelle di altri agrumi

 

Se l'articolo ti è piaciuto puoi condividerlo 🙂Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

3 pensieri su “Olio essenziale bergamotto aromacosmesi”

  1. Gli oli essenziali in generale (non solo il bergamotto) sono molto preziosi ed al contempo pericolosi se non usati correttamente.
    Con il famoso tea tree oil mi sono beccata un’ustione impressionante, quindi fai più che bene a mettere in guardia contro gli usi sconsiderati.

I commenti sono chiusi.